NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il dissidio sabaudo-genovese nel XVII secolo: guerre, congiure e battaglie propagandistiche
SKU: 9915208007
Pizzorno Diego
27,99 €

Nr. Pagine:
28
Formato:
PDF
ISSN:
0035-7073

Nel ’600, la contrapposizione tra Torino e Genova s’indirizza verso lo scontro aperto. Guerre, congiure e una persistente conflittualità segnano i rapporti tra i due stati: è, stando a una vecchia definizione di Vito Vitale, il «dissidio sabaudo-genovese». Il contributo cerca d’indagarne evoluzioni e declinazioni, seguendone i diversi andamenti costituiti dall’aggressione militare e dalla congiura, ma anche dal dispiegarsi di un’aspra campagna propagandistica, condotta per mezzo di storiografi e gazzettieri contesi e prezzolati. Quest’ultimo aspetto, caratterizzato dall’utilizzo della divulgazione scritta come mezzo di offesa o di contrattacco, impegna particolarmente l’intera seconda parte della disamina. Seguendo l’attivismo di autori come Assarino, Capriata e Brusoni, la battaglia sulla carta mostra le divergenti strategie adottate nei due contesti statuali, evidenziandone le peculiari, e per molti versi antitetiche, caratteristiche strutturali.

In the 17th century, the Duchy of Savoy and the Republic of Genoa move towards open hostility. Wars, conspiracies and a persistent struggle mark the relations between the two states: it is, according to an old definition of Vito Vitale, the «Genoese-Savoyard dispute». The paper analyzes the conflict in its evolution and forms, following its different trends: military aggressions, conspiracies and the unfolding of a bitter propaganda campaign conducted by historians and gazettes’ authors disputed and hired between the parts. This last aspect, characterized by the use of written disclosure as a means of offense or counterattack, particularly committed the entire second part of the paper. Following the activism of authors like Assarino, Capriata and Brusoni, the battle of writings shows the divergent strategies adopted by the two states, highlighting its peculiar and rather antithetical structural differences.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved