NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
2109048090.jpg2109048090.jpg
La vita umana « presa sul serio »
SKU: 2109048090
Maestri Enrico
21,00 €

Isbn
9788849518191
Collana:

"Filosofia del Diritto e Dignità Umana"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
10
Formato
13x21
Nr. Pagine
208
Mese Pubblicazione
Maggio
Anno Pubblicazione
2009
Questo saggio non si pone lo scopo di ripercorrere il dibattito bioetico che si è svolto e clic si svolge, senza soluzione di continuità , tra i sostenitori della qualità della vita e i sostenitori della santità della vita. Esso, piuttosto, cerca di comprendere le ragioni che hanno indotto due tra i più importanti «legal and moral philosophers» contemporanei ad affermare il valore intrinseco della vita umana. John M. Finnis e Ronald Dworkin sostengono entrambi che «la vita umana è sacra», ma assegnano al predicato «è sacra» un significato non religioso, bensì laico e secolare, nel senso che attribuiscono alla vita umana un valore inviolabile ed irrinunciabile. Eppure, nonostante questa premessa assiologica che li accomuna, i due filosofi finiscono per giustificare in modo opposto le scelte in campo bioetico. Ad avviso di Finnis, il valore inviolabile del bene fondamentale della vita comporta l'illiceità del suicidio, dell'aborto, della fecondazione assistita e dell'eutanasia. Al contrario, ad avviso di Dworkin, la difesa dell'inviolabilità della vita umana personale presuppone che il rispetto del valore intrinseco della vita stessa implichi la liceità dell'aborto, della fecondazione assistita, del suicidio assistito e dell'eutanasia volontaria. La ricostruzione critica di queste due teorie filosofiche pernici te non solo di evidenziare la raffinatezza argomentativa che permea il pensiero bioetico di Finnis e di Dorkin ma anche di riconoscere ai due filosofi il grande merito di aver preso sul serio la vita umana e di aver colto le insidie etiche di un epoca in cui la vita può essere biotecnicamente e biopoliticamente programmata, plasmata e fabbricata.

L'AUTORE
Enrico Maestri
, nato a Goro (Ferrara), ha conseguito il Dottorato di ricerca in Diritti umani presso l'Università di Palermo; attualmente, è assegnista di ricerca in Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Scienze giuridiche dell'Università di Ferrara e docente a contratto di Legislazione ambientale presso la stessa Università . Ha pubblicato saggi sui temi della solidarietà , del multiculturalismo, dei diritti umani e della bioetica.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved