NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

I nostri uffici resteranno chiusi dal 3/08/2017 al 1/09/2017
Tutti gli ordini effettuati in quel periodo verranno evasi dal 04/09/2017

Trattato di Diritto e Bioetica
SKU: 7417054170
Cagnazzo Alessandra
90,00 €

Formato
17x24
Nr. Pagine
808
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
2017

La domanda fondamentale, da cui ha origine il concepimento di quest’Opera ed alla quale tuttavia non si pretende di dare risposta esaustiva, parte dalla considerazione degli inarrestabili progressi di scienze e tecnologie degli ultimi anni, sui quali appare necessario chiedersi quali limiti di natura etica sia giusto, opportuno o necessario, vengano posti. Una legge può trasformare in onesto o lecito o in conforme alle leggi di natura ciò che al contrario, proprio in natura, non lo è affatto? Così quest’Opera si è posto l’obiettivo di percorrere alcune fra le strade più tortuose in cui si sono incontrati e a volte scontrati la bioetica, il biodiritto e la biopolitica, non trascurando di radunare, in questa impegnativa disamina, i principali dati normativi e giurisprudenziali, nazionali ed internazionali, di riferimento. Tutela del genoma umano, diritto alla conoscenza delle origini, rifiuto delle cure e dei trattamenti medici vitali, omogenitorialità, trapianto di organi, fecondazione eterologa e procreazione medicalmente assistita, maternità surrogata o assistita, utero in affitto, trattamento delle cellule staminali e divieto di sperimentazione sugli embrioni, clonazione umana, mutilazioni genitali, castrazione chimica, eutanasia del minore, suicidio in carcere e pena di morte, solo per citare alcuni dei grandi temi trattati nell’Opera. Non è difficile immaginare quanto sia arduo mediare tra le diverse posizioni etiche e raggiungere, quindi, una biolegislazione ampiamente condivisibile. È ciò che è successo all’ordinamento italiano, chiaramente in difficoltà sul terreno dei rapporti fra bioetica e biodiritto, dove la prima ha senz’altro a tutt’oggi avuto la meglio sul secondo, facendone uno strumento di attuazione di sporadici e disorganici interventi del legislatore e dove ancora oggi molte delle tematiche più attuali sui temi di cui ragioniamo non hanno trovato una regolamentazione normativa.

IL CURATORE
Alessandra Cagnazzo è Avvocato Cassazionista matrimonialista e Presidente Nazionale di “Officina Familiae”. Direttore, Curatore ed Autore di numerosi articoli, libri e trattati nella materia del diritto di famiglia, dei minori e della mediazione familiare. Si annoverano tra i tanti: Il Nuovo Diritto di Famiglia, a cura di A. Cagnazzo, F. Preite, V. Tagliaferri, in quattro tomi, 2015, Giuffrè Editore; Modifiche al codice civile e alle leggi speciali in materia di filiazione, Aa. Vv., 2014, Edizioni Scientifiche Italiane; Il regime Patrimoniale della Famiglia, 2, Atti Notarili - Volontaria giurisdizione, in Trattato Notarile diretto da F. Preite e curato da A. Cagnazzo, 2012, Utet Giuridica; La Mediazione Familiare, diretto da A. Cagnazzo, 2012, Utet Giuridica; Il riconoscimento degli status familiari acquisiti all’estero, Aa. Vv., a cura di A. Cagnazzo, F. Preite, Giuffrè Editore, 2017.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved