NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0704020040.jpg0704020040.jpg
Gli enti religiosi nella trasformazione dello stato sociale
SKU: 0704020040
Parisi Marco
18,00 €

Isbn
8849508425
Collana:

"Univ.degli Studi del Molise - Dipartimento Giuridico"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
19
Formato
17x24
Nr. Pagine
228
Mese Pubblicazione
Marzo
Anno Pubblicazione
2004
Il processo di sviluppo delle libertà democratiche scaturenti dal contesto costituzionale disegnato nel 1948, la progressiva implementazione del sistema misto di economia pubblica e privata concepito dal legislatore costituente, la crisi dello Stato sociale nella sua accezione tradizionale hanno determinato, nell'ultimo trentennio, un significativo ampliamento delle possibilità di partecipazione di soggetti diversi dallo Stato nell'erogazione di servizi di utilità sociale, favorendo la delineazione di una multiforme realtà sociologica, il «Terzo settore», contraddistinta dallo spirito solidaristico ispirante l'attività esercitata da ciascun soggetto partecipe di questo nuovo e variegato polo di figure dell'associazionismo sociale. In questa prospettiva, la presenza degli enti religiosi nei campi d'azione ascrivibili al «Terzo settore» (quali risultano essere l'assistenza, la sanità , la beneficenza, l'istruzione) hanno consentito la loro ricomprensione nella sfera di operatività della diversificata disciplina legislativa statale dettata per la regolamentazione del settore non profit. Tuttavia, l'esigenza di una puntuale coordinazione delle diverse normative di dettaglio con la specifica disciplina di natura pattizia, prevista per gli enti religiosi dall'Accordo concordatario e dalle intese finora stipulate con le realtà confessionali acattoliche, induce ad una riflessione rispetto all'eventuale incidenza delle diverse leggi di regolamentazione del «Terzo settore» sulla dimensione di specialità in cui sono collocati gli enti confessionali. L'eventualità di un possibile depotenziainento del carattere di specialità di cui è caratterizzata la disciplina bilateralmente concordata, in virtù della forza «attrattiva» esercitata dal diritto comune (dettato per tutti gli enti non lucrativi, ivi compresi quelli religiosi), sembrerebbe essere ulteriormente confermata dalla valorizzazione costituzionale del principio di sussidiarietà orizzontale (operata dal riformato Titolo V della Costituzione) e dalla tendenza alla riconduzione normativa unitaria delle soggettività rientranti nel settore non profit (ne è testimonianza il recente disegno di legge-delega sull'impresa sociale). Ne consegue la necessità di interrogarsi sulla possibile individuazione di un punto di equilibrio normativo tra diritto patrizio e diritto comune, tale da consentire la presenza degli enti religiosi nel «Terzo settore», nel pieno rispetto della loro distintiva identità confessionale.

L'AUTORE

Marco Parisi è Ricercatore per il Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università del Molise, dove insegna, in affidamento interno, Diritto ecclesiastico e Diritto ecclesiastico comparato. È autore dell'opera monografica L'Islam e i Paesi europei: problemi giuridici e di legalità costituzionale, Salerno 2000, ed è stato curatore delle opere collettanee L'insegnamento del Diritto Ecclesiastico nelle Università italiane, Napoli 2002, e Autonomia, decentramento e sussidiarietà : i rapporti tra pubblici poteri e gruppi religiosi nella nuova organizzazione statale, Napoli 2003. Tra i saggi pubblicati si segnalano: La riforma dell'assistenza: note ricostruttive e prime riflessioni sulla legge n. 328/2000, in Annali, 3;. 2001; Orientamenti della giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo in tema di libertà religiosa, in Annali, 4, 2002; Dalla Dichiarazione n. 11 alla futura Carta costituzionale dell'Unione Europea: quale ruolo per le Confessioni religiose nel processo di integrazione europea? , in Studi in memoria di Vincenzo Ernesto Cantelmo, Napoli 2003.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved