NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il contributo giurisprudenziale all'evoluzione del giudizio abbreviato
SKU: 8816131160
Maffeo Vania
20,00 €

Isbn
9788849532456
Collana:
"Biblioteca di Diritto Processuale"
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
24
Formato
17x24
Nr. Pagine
184
Mese Pubblicazione
Novembre
Anno Pubblicazione
2016

Gli istituti del diritto processuale penale sono sempre più esposti alle modifiche di un diritto giurisprudenziale che, anche per effetto dell’incidenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, sembra spesso concorrere paritariamente con la legge nella regolazione della delicata materia. Il sistema è sì governato dal principio costituzionale della riserva assoluta di legge, ma le sentenze sono un fattore decisivo nella fisionomia di ampi settori del diritto processuale. Ciò accade in specie per quelle parti della disciplina codicistica che sono in rapporto di specialità col modello principale di accertamento, costruito intorno al contraddittorio per la formazione della prova, e tra queste spicca il giudizio abbreviato. Una novità del codice del 1988, che per molti anni è stato, ed ancora è, oggetto di una pluralità di interventi della Corte costituzionale, sintomo questo della difficoltà di elaborazione culturale dei suoi tratti derogatori. Vive pertanto di una costante tensione ideale che favorisce la proliferazione di problemi applicativi, nella cui soluzione la giurisprudenza di legittimità si muove senza un sicuro ancoraggio nelle disposizioni legislative. Questa è la ragione che spinge ad un rinnovato approfondimento del tema, che si rivela fecondo di spunti e suggerimenti per una riflessione più ampia sull’intero sistema processuale.

L’AUTORE
Vania Maffeo (Napoli 1971), professore associato di Procedura penale, insegna dritto processuale penale e diritto processuale penale comparato nell’Università «Federico II» di Napoli. Della sua più recente produzione scientifica si segnalano le seguenti opere. L’esame incrociato tra legge e prassi, Cedam, 2012; L’abnormità, nel volume Le Invalidità processuali Profili statici e dinamici –, a cura di A. Marandola, nella collana Diritto e Procedura penale, diretta da A. Gaito - B. Romano - G. Spangher, Torino, 2015; Ammissibilità del giudizio immediato c.d. probatorio per l’imputato in vinculis, in Giurisprudenza italiana, 2015.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved