NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

I nostri uffici resteranno chiusi dal 3/08/2017 al 1/09/2017
Tutti gli ordini effettuati in quel periodo verranno evasi dal 04/09/2017

La motivazione delle decisioni
SKU: 8817030170
Penta Andrea
48,00 €

Isbn
9788849533248
Collana:
Quaderni de « Il Foro napoletano »
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
19
Formato
17x24
Nr. Pagine
400
Mese Pubblicazione
Maggio
Anno Pubblicazione
2017

Il presente volume si propone di fornire agli operatori professionali un concreto ausilio, indicando le principali soluzioni giurisprudenziali adottate e le prassi applicative formatesi in tema di motivazione, non disdegnando una ricostruzione dogmatica e dottrinale dei vari istituti ad essa connessi. Da valenti ed appassionati ricercatori universitari, dottorandi di ricerca e professionisti del settore vengono trattate, oltre alle problematiche classiche di natura processuale, le questioni maggiormente frequenti e delicate profilatesi nelle aule giudiziarie, riservando una finestra aperta sul diritto internazionale (avuto particolare riguardo all’ordine pubblico processuale europeo ed alla decisione secondo il modello francese). L’opera si prefigge l’obiettivo di rappresentare un pratico strumento per comprendere le tecniche redazionali ed il regime giuridico dei provvedimenti giurisdizionali (si pensi alla decisione ex art. 186 quater c.p.c., alla sentenza ai sensi dell’art. 281 sexies c.p.c., alla motivazione per relationem e a quella a richiesta, nonché a quella delle ordinanze adottate all’esito di procedimenti sommari). I contributi si estendono all’analisi di profili processuali comunque, sia pure indirettamente, incisi dalla (o connessi alla) motivazione, quali la proposta conciliativa del giudice ex art. 185 bis c.p.c., il governo delle spese (quest’ultimo con particolare riferimento all’ipotesi della compensazione) e la scelta dei parametri di liquidazione del compenso al difensore. In un’ottica di completezza, vengono affrontate altresì le tematiche del nuovo vizio di motivazione in cassazione e della cd. doppia conforme (in ordine alle impugnazioni), dell’auto ed etero integrazione della sentenza (in relazione all’esecuzione) e della decisione secondo equità (ai sensi dell’art. 1226 c.c.). Da ultimo, particolare attenzione viene prestata alla possibile incidenza dell’ufficio per il processo e dei tirocini formativi sulla qualità e sulla quantità di risposta alle richieste di giustizia ed alle ripercussioni sul piano della responsabilità (soprattutto disciplinari) a carico dei giudici e degli avvocati.

IL CURATORE
Andrea Penta, attualmente magistrato addetto all’Ufficio del Massimario e del Ruolo ed applicato con funzioni giurisdizionali presso la II Sezione civile della Corte di Cassazione, ha pubblicato per le principali case editrici giuridiche a diffusione nazionale opere monografiche (I rapporti di buon vicinato – tra convivenza e legalità, Simone, 1999; Gli organi della procedura fallimentare, Cedam, 2009; I procedimenti cautelari, La Tribuna, 2011; I criteri di liquidazione del danno non patrimoniale, La Tribuna, 2012; Le prove nel processo civile, Maggioli, 2013; La liquidazione fallimentare, Cedam, 2016), opere collettanee, articoli e note a sentenza.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved