NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
8212193120.jpg8212193120.jpg
Alle radici delle obbligazioni generiche
SKU: 8212193120
Abatino Barbara
30,00 €

Isbn
9788849525038
Collana:

"Univ.degli Studi di Camerino Pubblicazioni"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
130
Formato
17x24
Nr. Pagine
XXIV + 236
Mese Pubblicazione
Settembre
Anno Pubblicazione
2012
Dalla media repubblica e sino al tardo antico si svilupparono commerci privati per collocare sui mercati beni di largo consumo, e tra questi quelli fungibili, che - con il passaggio dall'economia domestica a quella mercantile - provenivano dalla produzione agricola ormai 'organizzata' e 'razionalizzata' mediante l'impiego della forza lavoro servile. Con l'intensificazione degli scambi, ie esportazioni e le importazioni, la quantità e qualità di derrate, e simili, comrnerciate all'ingrosso, andavano sempre aumentando. Le prassi mediterranee che regolavano tale commercio concorsero all'affermarsi di nuove forme giuridiche cui sarebbe stato accordato un riconoscimento dal ius mediante la iurisdictio peregrina e la tutela bonae fidei . Se la compravendita consensuale, la cui nascita ha dato origine ad una tanto vasta letteratura, è verosimilmente il portato anche dell'esperienza legata a siffatte relazioni commerciali, sembra singolare che dalla sfera della stessa sia rimasto escluso il contratto in cui la prestazione dell'alienante avesse avuto ad oggetto beni fungibili descritti in base alla loro appartenenza ad un genus. Eppure, la possibilità che la la emptio venditio consensuale sia stata ritenuta un contratto fruibile e concretamente impiegato per il trasferimento di beni individuati esclusivamente per l'appartenenza ad un genere non trova basi certe nell'esigua testimonianza delle fonti. Lo studio ambisce a riconsiderare il problema dello scambio di res adpendendae adnumerandae admensurandae, riesaminando tutti gli argomenti pro e contra la configurabilità del detto contracuis nel sistema romano, argomenti fondati per lo più su considerazioni logico dogmatiche.

L'AUTORE
Barbara Abatino
ha conseguito il dottorato di ricerca presso il Dipartimento di diritto romano, storia e teoria del diritto dell'Università Federico II di Napoli. Dal 2007 è ricercatore presso la Law School ddll'University of Amsterdam. Suoi interessi di ricerca sono i profili storici cd economici delle obligariones cd il linguaggio giuridico delle traduzioni ottocentesche dei Digesta.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved