NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Death of Contract?
SKU: 8517085150
Cernigliaro Aurelio
40,00 €

Isbn
9788849530391
Collana:
"Iuris Intuitus"
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
S,1
Formato
15,5x23,5
Nr. Pagine
384
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
2017

A quaranta anni di distanza dal provocatorio saggio di Grant Gilmore, The Death of Contract, alcuni tra i più autorevoli giuristi – storici e vigentisti, insieme – si incontrano per discutere e fare il punto in tema di contratti. Il dialogo che si sviluppa, ognuno con la sua esperienza, con la sua specifica voce, è intenso e senza preclusioni. Attiene, in particolare, un «ambito» ove specificamente si realizza l’interazione tra teoria e prassi. In uno scenario – ieri come oggi – in rapido mutamento, l’istituto convenzionale viene esso stesso proposto «in movimento«: un segno inequivoco di costante e rinnovata vitalità. Con l’introduzione di Paolo Grossi e le conclusioni di Pietro Rescigno, con le ‘partecipi’ presidenze di Giuseppe Abbamonte, Pietro Perlingieri e Salvatore Mazzamuto, testimoniano una stretta e vitale solidarietà culturale Maria Teresa Alvarez Moreno, Cesare Massimo Bianca, Italo Birocchi, Fernando Bocchini, Paolo Cappellini, Giovanni Cazzetta, Silvia Díaz Alabart, Francesco Macario, Ugo Mattei, Pietro Perlingieri, Paolo Pollice, Pasquale Stanzione, Daniela Valentino.

Forty years after the provocative essay by Grant Gilmore, The death of the contract, some of the most important jurists – both historians and positivists, together – meet to discuss and make the point on contracts. The dialogue that develops, each with its own experience, with its specific voice, is intense and without foreclosure. It holds, in particular, a «scope» where specifically the interaction between theory and practice is realized. In a scenario – yesterday as today – in rapid change, the conventional institute itself proposes «moving»: an unmistakable sign of constant and renewed vitality. With the introduction of Paolo Grossi and the conclusions of Pietro Rescigno, with the «participating» presidencies of Giuseppe Abbamonte, Pietro Perlingieri and Salvatore Mazzamuto, witness a close and vital cultural solidarity by Maria Teresa Alvarez Moreno, Cesare Massimo Bianca, Italo Birocchi, Fernando Bocchini, Paolo Cappellini, Giovanni Cazzetta, Silvia Díaz Alabart, Francesco Macario, Ugo Mattei, Pietro Perlingieri, Paolo Pollice, Pasquale Stanzione, Daniela Valentino.

IL CURATORE
Aurelio Cernigliaro è ordinario di Storia del diritto medievale e moderno presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Ateneo fridericiano. Presiede la Scuola delle Scienze Umane e Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II. Tra i suoi preminenti interessi di ricerca, la storia della giustizia e degli apparati giudiziari, delle fonti e delle istituzioni in età medievale e moderna, la sovranità e il confronto Stato-Chiesa, la cultura e la storiografia giuridica.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved