NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

I nostri uffici resteranno chiusi dal 3/08/2017 al 1/09/2017
Tutti gli ordini effettuati in quel periodo verranno evasi dal 04/09/2017

«Pugnar con le ombre»
SKU: 8517133150
Serpico Francesco
35,00 €

Isbn
9788849530933
Collana:
"Iuris Intuitus"
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
S,2
Formato
17x24
Nr. Pagine
316
Mese Pubblicazione
Maggio
Anno Pubblicazione
2016

A partire dalla seconda metà del secolo XVII la città di Napoli fu teatro di una aspro conflitto culturale che contrapponeva la tradizionale autorità della scolastica alle nuove correnti legate al razionalismo e allo sperimentalismo moderno. Il celebre processo agli ‘ateisti’ (1688-1697) se da un lato segnò un attacco senza precedenti alle ragioni dei novatores, dall’altro costituì per la cultura giuridica napoletana un formidabile banco di prova per misurare sul tradizionale terreno della presenza dell’Inquisizione di fede in città la sua capacità di influenza e mobilitazione sul piano politico e istituzionale. La prassi della mancata comunicazione all’inquisito dei nomi degli accusatori e dei denuncianti, correntemente praticata nel processo inquisitoriale, divenne così il bersaglio di una critica che legava, in nome del rispetto delle esigenze difensive, il tradizionale richiamo ad un ordine “naturale” del processo alle nuove istanze di verifica e sperimentazione diffuse dalla Rivoluzione scientifica. Attraverso l’opera di Nicolò Caravita – uno dei principali giuristi coinvolti nella polemica – questo libro ricostruisce i tratti di una battaglia condotta con le armi della logica giuridica che finì per mettere in discussione il fondamento epistemico del processo di fede ed alimentare la memoria della cultura giuridica napoletana ben oltre il tornante del nuovo secolo.

During the second half of the seventeenth century, the city of Naples was the theatre of a harsh polemic between the traditional authority of scholasticism and the new waves of rationalism and modern experimentalism. As regards the famous trial of the “ateisti” (1688-1697), if on the one hand it signalled an unprecedented attack on the novatores, on the other it constituted a formidable benchmark to measure the traditional ground for the presence of the Inquisition in the city as well the capacity to influence and mobilize the juridical culture in the political and institutional fields. The inquisitorial rule to hide from the accused the names of the accusing witnesses became an object of fierce criticism that linked, in the name of respect for defensive demands, the traditional call to respect a “natural” order in the trial of the new appeals for verification and experimentation based on scientific revolution. Following on from the work of Nicola Caravita - one of the most important jurists involved in the polemic - this book re-constructs the battle lines fought with the help of weapons of a juridical logic that questioned the epistemic basis of the inquisitorial trial and which fed the collective memory of the Neapolitan juridical culture throughout the new century.

L’AUTORE
Francesco Serpico è ricercatore a tempo determinato (SSD IUS 19) presso il Dipartimento giuridico dell’Università del Molise. Oltre alle tematiche attinenti alla storia del diritto processuale, tra i suoi interessi di ricerca figurano la storia dell’avvocatura e delle professioni giuridiche e il rapporto tra diritto e letteratura.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved