NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
I limiti dell'intervento. L'orizzonte oikologico dell'architettura
SKU: 0516065160
Visconti Federica - Diaconescu Oana
19,00 €

Isbn
9788849531701
Collana:
"De l'interno architettonico"
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
6
Formato
16x22
Nr. Pagine
160
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
2016

Questo volume raccoglie gli esiti del Seminario tenutosi in Romania, presso la Università di Architettura e Urbanistica Ion Mincu di Bucarest con il titolo I limiti dell’intervento. L’orizzonte oikologico dell’architettura nel maggio 2015. Il Seminario è stato il terzo di un ciclo iniziato nel 2013 a Napoli, proseguito nel 2014 a Madrid e, appunto, nel 2015 a Bucarest, attraverso il quale un gruppo di docenti del Dipartimento di Architettura della Università di Napoli “Federico II”, della Universidad Alfonso X El Sabio di Madrid e della Università Ion Mincu di Bucarest hanno sondato e approfondito, attraverso il progetto, il tema della qualità “oikogena” dell’architettura cui anche la Collana dove trova posto questo volume è dedicata. Fil rouge il tema della rovina intesa come occasione di conoscenza e progetto, come possibilità di analizzare un manufatto e comprenderne le qualità spaziali per riconfigurarle, in chiave contemporanea, restituendo edifici che hanno perso la loro funzione, a nuove, talvolta inedite, possibilità d’uso e, quindi, di vita. In questa direzione il Workshop di Bucarest ha avuto come oggetto di studio e progetto il Petit Trianon di Floreşti: un edificio all’interno di un parco del quale sopravvivono solo i muri perimetrali ma che è ancora in grado di evocare il suo perduto splendore. Articolato in una prima parte introduttiva, dedicata alla definizione del tema, in una seconda, contenente i saggi dei docenti che hanno partecipato al workshop sul tema del rapporto tra antiche rovine e progetto di architettura, in una terza sugli esiti progettuali e in una quarta contenete le lezioni tenute durante i lavori, il libro è soprattutto la testimonianza del lavoro che da anni, nell’ambito della cooperazione internazionale universitaria, si porta avanti con questi Seminari nella convinzione che la cultura si alimenta nel confronto e nella conoscenza, riconoscendo le diverse identità ma giovandosi della possibilità di stabilire un dialogo, platonicamente inteso come, attraverso il contrasto di opposte opinioni, il processo di scoprimento e di conquista della verità.

I CURATORI
Federica Visconti Nasce a Napoli il 29 gennaio 1971. Si laurea con lode nel 1995 in Architettura presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Nel 2001 consegue presso la stessa università il Dottorato di Ricerca in Progettazione Urbana e nel 2002 la Specializzazione in Progettazione Architettonica e Urbana. Dal 2011 è Professore Associato SSD ICAR14/Composizione architettonica ed urbana del DiARC_Dipartimento di Architettura della Università degli Studi di Napoli “Federico II”. L’attività di ricerca, svolta con continuità dal 1998, interessa le questioni teoriche e metodologiche del progetto architettonico ed urbano, in stretta relazione sia con i temi della didattica che con l’attività di ricerca progettuale. Il rapporto tra archeologia e architettura è uno dei campi di interesse: in tale ambito ha lavorato come senior researcher al Programma di cooperazione internazionale - APQ Mediterraneo - Linea 2.4 Dialogo e Cultura - Progetto Integrato Diarcheo - subprogetto ArcheoURB - finanziato dal Ministero degli Esteri; è componente del Comitato Scientifico del Workshop Internazionale di Progettazione “Pausilypon. Architettura e Paesaggio Archeologico” della Accademia Adrianea e è stata relatrice di numerose tesi di laurea sul tema del progetto architettonico in aree archeologiche. Nel 2016 ha curato il numero monografico della rivista EdA_Esempi di Architettura sul tema della Archeologia Urbana.
Oana Diaconescu Nasce a Bucarest, il 4 ottobre 1983, segue i corsi della Facoltà di Architettura dell’UAUIM Bucarest dove si laurea nel 2008, ottenendo una menzione speciale per gli eccellenti risultati per l’intero percorso formativo e la Menzione Internazionale di Eccellenza per il progetto di tesi, che rappresenta l’università al “RIBA-President’s Medals Student Award”, Gran Bretagna. Consegue il Dottorato Internazionale in Architettura e Museografia presso l’Università degli Studi di Genova, Italia e il Dottorato in Architettura presso UAUIM (2012). Nel 2010 ottiene il Master in “Museografia, Architettura e Archeologia” presso l’Accademia Adrianea di Roma, per la quale ricopre il ruolo di tutor nelle edizioni 2009, 2011, 2012, 2013 e di componente della giuria del Concorso Internazionale Premio Piranesi nel 2015. A sostegno della sua attività di ricerca ha ricevuto numerose borse tra le quali: IAESTE in Cairo, Egitto (2006) e Novi Sad, Serbia (2007), Socrates-Erasmus a Genova, Italia (2006-2007), Ph.D. POSDRU a Roma, Italia (2009-2010), Accademia Adrianea per il Master Itinerante Roma (2008-2010). Attualmente è lettore universitario presso UAUIM e Pro-Decano della Facoltà di Architettura degli Interni, dove svolge attività didattica dal 2008. Ha partecipato e organizzato numerose conferenze e workshop e redatto molteplici progetti collaborando con professionisti di vari paesi: Romania, Italia, Spagna, Portogallo, SUA, Germania, Camerun e Irlanda.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved