• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata

Il rifiuto del coacquisto e l’estromissione del bene dalla comunione legale: spunti critici in merito alla recente involuzione delle Sezioni Unite

SKU: 9916282005
Autore:
Longobucco Francesco
Array
33,99 €

PDFStampaEmail

Il saggio propone una rivisitazione in chiave critica dell’orientamento, da ultimo affermato dalle Sezioni Unite, vólto a negare a tutt’oggi l’ammissibilità del rifiuto del coacquisto e dell’estromissione del bene manente communione. La questione viene infatti riesaminata in chiave evolutiva, avendo riguardo: a) all’interpretazione sistematica ad assiologica; b) al superamento dello pseudo principio di specialità del diritto di famiglia; c) alla meritevolezza della causa (“concreta” o “atipica”) del negozio familiare; d) all’attuale assetto del sistema della trascrizione degli atti. Ciò al fine di sostenere la praticabilità di operazioni negoziali convenienti al ménage familiare in un contesto avulso da vecchi dogmi e vuoti tecnicismi e aperto ad una applicazione funzionale ed elastica del nuovo diritto di famiglia.

The essay offers a critical approach to the question of the ‘rifiuto del coacquisto’ and ‘estromissione del benemanente communione (according to the last perspective of the Italian Supreme Court). The topic is reviewed by the author by applying a new way of interpreting Family Law, by disapplying the false principle of ‘speciality’ of Family Law (compared to the Contract Law), by enhancing the ‘cause’ (‘concrete’ and ‘atypical’) of private acts, by reconsidering the system of ‘trascrizione’. Just to sustain the viability of negotiated agreements convenient to the ménage, according to a more flexible application of our current Italian Family Law.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9916282005.pdf
Nr. Pagine
17
Formato
PDF