• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata

La violenza negli stadi. L’esperienza tedesca

SKU: 9918172004
Autore:
Di Nella Luca
Estratto Rivista

Rassegna di diritto ed economia dello sport 1/2018

Array
33,99 €

PDFStampaEmail

Lo scritto illustra il complesso sistema di iniziative adottato nell’ordinamento tedesco per combattere il fenomeno della violenza dei tifosi nel calcio. Oltre agli interventi di tipo sociale, le misure giuridiche possono essere preventive e repressive. Tra le prime, vanno annoverati, per un verso, i poteri di ordine pubblico spettanti allo Stato, consistenti, tra l’altro, nell’uso di banche date e dei classici strumenti di polizia; per l’altro, il c.d. Stadionverbot di natura civilistica a disposizione dei club organizzatori degli incontri, che consente loro di interdire l’accesso allo stadio a tifosi predisposti al compimento di atti violenti. Le misure repressive consistono nella responsabilità ‘oggettiva’ derivante dai regolamenti federali e la responsabilità civile dei club per i fatti violenti degli spettatori, nonché nella responsabilità civile dei fan nei confronti dei club per le sanzioni federali loro inflitte e nei confronti degli sportivi e degli altri spettatori per danni loro arrecati. A queste si aggiunge la responsabilità penale dei fan. Si discute della imputazione ai club dei costi degli interventi di polizia in occasione delle manifestazioni sportive. Emerge da questo quadro la necessità di creare uno statuto giuridico del fan, in cui gli strumenti privatistici e quelli penalistici si affianchino per combattere la violenza nel calcio.

This paper describes the complex set of measures adopted by the German legal system to counter football violence. The system allows for social intervention as well as preventive and repressive legal measures, wich include state public order measures which use databases as well as traditional police powers. Preventive measures also include the civil law Stadionverbot, or stadium bans, which clubs can impose on fans likely to commit acts of violence. Repressive measures are based on ‘objective’ liability laid down by federal regulations, on civil liability of clubs for spectator violence, and on civil responsibility of fans towards clubs for fines imposed and towards players and other spectators for damages. They are also based on fans’ penal liability. The paper shows that successfully countering football violence requires a new legal statute for fans combining elements of private and penal law.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9918172004.pdf
Nr. Pagine
17
Formato
PDF