• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
Nessuna immagine impostata

La rivoluzione napoletana del 1820: una crisi europea

SKU: 9920210204
Autore:
Mascilli Migliorini Luigi
Estratto Rivista

Rivista Europea di Studi Napoleonici 2/2020

"Rivista europea di Studi Napoleonici e dell'età delle restaurazioni"
Vai alla rivista >>>

Issn
1590-4911
Array
29,99 €

PDFStampaEmail

Più che una rivoluzione figlia del passato, ciò che accade a Napoli nel 1820 è un inatteso ma decisivo “secondo tempo” della grande partita dell’equilibrio europeo stabilito cinque anni prima a Vienna. Un “secondo tempo” a parti invertite, in cui Napoli rappresenta in vero punto di svolta dell’impianto nato dal Congresso di Vienna, l’evento che ne mette a nudo le contraddizioni. Di fronte al successo dell’iniziativa napoletana, la reazione di Metternich e dell’Austria è tanto sorprendente quanto decisa. Un gesto simbolico, che rese manifesta la precarietà del “concerto europeo” e, in Italia, trasformò l’Austria nell’ostacolo da eliminare sulla strada dell’unità nazionale.

More than a revolution born from past ashes, what occurs in Naples in 1820 is the unexpected, yet decisive, “second half” of the great game for that European balance that had been decided in Vienna five years before. It is a “second half” with inverted roles, in which Naples represents the authentic turning point of those foundations that had been laid during the Congress of Vienna, that reveals its own contradictions. Before the successful Neapolitan initiative, Metternich’s reaction is as surprising as determined; a symbolic act manifesting the precariousness of the “Concert of Europe” and transforming Austria itself into an obstacle to remove from the way towards Italy’s national unity.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9920210204.pdf
Nr. Pagine
15
Formato
PDF