• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata

Vocazioni da “sapere”. Barbara Borromeo, Antonio Valentino e la casa di probazione di Novellara

SKU: 9920308008
Autore:
Giuliani Marzia
Estratto Rivista

Rivista Storica Italiana 3/2020

Vai alla rivista >>>

Issn
0035-7073
Array
39,99 €

PDFStampaEmail

VOCAZIONI GESUITICHE NELLA PRIMA ETÀ MODERNA - Vocazioni da “sapere”. Barbara Borromeo, Antonio Valentino e la casa di probazione di Novellara

Basata sulle fonti manoscritte delle Vocationes illustres, questa ricerca esplora il noviziato gesuitico di Novellara nell’epoca di Antonio Valentino, primo rettore e maestro dei novizi (1571-1579). Al centro dell’indagine si pongono le relazioni spirituali tra Valentino e la contessa Barbara Borromeo, moglie di Camillo Gonzaga, fondatore del noviziato nel 1571. Il contributo ricostruisce le linee principali del ruolo poco indagato svolto dall’arcivescovo di Milano, Carlo Borromeo, a causa delle sue relazioni con la famiglia Gonzaga e con il padre Valentino, e chiarisce molti aspetti in merito alla vocazione gesuitica di Federico Borromeo.

Based on the handwritten documents of the Vocationes illustres, the research explores the jesuit novitiate at Novellara during the age of Antonio Valentino, first rector and master of novices (1571-1579). The topic is focused on the spiritual relationship between Valentino and the countess Barbara Borromeo, wife of Camillo Gonzaga, who founded the novitiate in 1571. The essay underlines the role played by the archbishop of Milano, Carlo Borromeo, because of his relations with the Gonzaga family and with father Valentino too, and it clarifies some aspects regarding Federico Borromeo’s vocation to a jesuit life.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9920308008.pdf
Nr. Pagine
20
Formato
PDF