• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
Nessuna immagine impostata
Nessuna immagine impostata

Scienza e valori della legislazione civile

SKU: 7421145210
Autore:
Calvo Roberto
Collana:

"Cultura giuridica e rapporti civili" 
Vai alla collana >>>

Array
28,00 €
24h.png

PDFStampaEmail

Il libro verte sull’esercizio del potere legislativo per opera delle autorità politiche costituite. La prima parte è dedicata ai fondamenti storico-filosofici della scienza legislativa. La seconda si focalizza sulla contemporaneità, attualizzando i nodi applicativi dell’ars legiferandi. Il piano della discussione viene quindi inclinato sul versante della vigente disciplina pubblicistica concernente le tecniche di redazione degli atti normativi. Dopodiché si passa a trattare della contrapposizione – sempre di stringente attualità – fra giusrazionalismo prestatuale e positivismo nichilista, evocante alla memoria lo scontro ideale tra Creonte e Antigone. Di lì il dilemma se basti la legittimazione formale a rendere giusto il iussum, oppure se occorra che esso risponda ai valori universali (oggi costituzionalizzati) basati sul rispetto dei diritti di libertà e di dignità umana. L’importanza del quesito balza prepotentemente agli occhi quando ci si soffermi sul diritto avaloriale e degenerato, il quale permise ai regimi autoritari italo-tedeschi di ridurre in schiavitù chi, per via della razza o della religione, doveva essere sacrificato sull’altare pagano dell’antistato. Il libro si chiude inducendo il lettore a riflettere in merito al ruolo del giurista nel procedimento di elaborazione del diritto positivo e, in una prospettiva più amplia, dei suoi rapporti con il potere politico e con quello economico.

L'Autore
Roberto Calvo è professore ordinario di Diritto privato nell’Università della Valle d’Aosta.

Indice

Introduzione

Capitolo I
L’antico naturalismo razionale
1. Il Gradus ad Parnassum dell’incivilimento umano
2. Dallo Stato etico allo Stato legislatore
3. Universalità e incompletezza della legge nella dottrina aristotelica
4. Il razionalismo naturalista ciceroniano
5. La patristica
6. L’insegnamento tomistico
7. (Segue): la legge umana o positiva

Capitolo II
L’epoca moderna
1. La Scolastica barocca
2. Legge e diritto nello Stato-leviatano
3. Il rigorismo di Spinoza
4. Il totalizzante giusnaturalismo lockiano
5. La metafora del filo nel labirinto
6. Lo spirito delle leggi
7. Il censore delle leggi
8. La razionalità utilitaristica
9. Legge civile e idealismo individualista
10. (Segue): il concettualismo hegeliano

Capitolo III
L’azione morale della codificazione civile: dai prodromi al positivismo ottocentesco

Sezione prima
Il «Trattato delle leggi»
1. Dall’ex facto oritur ius ai princìpi universalmente validi
2. Il port-royalismo giuridico
3. La partizione dei vincoli obbligatori
4. Ragione, spirito e interpretazione delle leggi
5. Leggi naturali e umane
6. Autorità e autorevolezza delle leggi
7. I rischi deprecabili del particolarismo legislativo
8. Preleggi

Sezione seconda
Il «Discours préliminaire»
9. La frantumazione dell’ordinamento francese pre-rivoluzionario
10. Le basi costituzionali dell’antifeudalità
11. Il codice civile nazionale
12. I fondamenti del pensiero di Portalis

Sezione terza
Razionalismo e antiformalismo giuridico
13. La «Scienza» di Zachariae
14. La lotta contro il formalismo giuridico
15. (Segue): il libro della natura
16. (Segue): l’autorità tra follia e saviezza
17. La partizione delle leggi
18. Diritto e legislazione
19. Cessante ratione legis cessat ipsa lex
20. Il contraddittorio fra Savigny e Thibaut

Capitolo IV
Profili attuali di tecnica legislativa

Sezione prima
La verifica ex ante
1. Il Regolamento della Camera dei Deputati: l’istruttoria preventiva dei progetti di legge
2: (Segue): il Comitato per la legislazione
3. L’urgenza di un mutamento culturale

Sezione seconda
La motivazione delle leggi
4. Premessa
5. Il legislatore argomentante
6. Le ragioni dell’opinione dissidente

Capitolo V
La degenerazione del positivismo oltranzista

Sezione prima
Il nazionalismo giuridico illiberale e antisemita
1. Positivismo e totalitarismi
2. La concezione fascista dello Stato
3. La legislazione secondo la dottrina corporativa
4. Autonomia dei privati, tipicità della causa e ruolo del giudice-funzionario
5. Nazionalismo, partito unico e denudazione dei valori umani: le basi storico-culturali del razzismo di Stato
6. Leggi razziste e crociata antiebraica
7. Positivismo e giusnaturalismo nel nuovo ordinamento costituzionale della Repubblica italiana: dalla contrapposizione all’osmosi
8. Il conflitto ideale fra Creonte e Antigone

Sezione seconda
I cardini teorici del nazionalsocialismo tedesco
9. La legge distruttrice di se stessa: i punti di distacco circa il procedimento di formazione delle leggi fra l’Italia fascista e il terzo Reich
10. La modifica extralegislativa del diritto privato e la teoria dell’ordinamento sociale concreto
11. L’ideologia nazista quale fonte del diritto
12. Nazismo e società civile

Capitolo VI
La perenne centralità del diritto privato fra sapientia, legislatio e iurisdictio
1. La vocazione ordinante del codice civile e della civilistica contro la depredazione e il monopolio della burocrazia
2. Oneri e responsabilità del giurista accademico
3. L’educazione dei giovani studiosi
4. L’ordine giudiziario
5. Rimedi contro la deculturazione del diritto privato

Indice degli autori