• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
0512022120.jpg0512022120.jpg
0512022120.jpg Indice

La conservazione dei ponti storici in Campania

SKU: 0512022120
Autore:
Aveta Aldo - Aveta Claudia - Monaco Luciano Maria
Collana:

"RestauroConsolidamento"
Vai alla collana >>>

Array
32,00 €
48h.png

PDFStampaEmail
Il saggio affronta il tema della conservazione dei ponti storici della Campania, da considerare risorse culturali del territorio, elementi che hanno determinato lo sviluppo e le vicissitudini delle varie civiltà che si sono susseguite nel corso dei secoli. I ponti in muratura costituiscono una particolare tipologia di documento storico e sono parte integrante della storia del territorio su cui insistono, in uno con il patrimonio paesaggistico e quello architettonico delle città . Sono analizzati per primi i manufatti risalenti all'epoca romana, per giungere via via alle evoluzioni che si sono verificate nei secoli successivi, dal Medioevo al XIX secolo, correlandone costruzione e restauri agli sviluppi tecnico-scientifici ed alla creazione e trasformazione delle infrastrutture viarie. Altro aspetto indagato è quello del restauro strutturale dei manufatti legato, da un lato, al loro stato di conservazione, dall'altro alle possibilità di rinnovata fruizione, affrontando le problematiche tipiche della conservazione e del restauro. Sono illustrate, infine, le risultanze di un primo inventario di simili manufatti presenti sul territorio campano, allo stato di rudere, modificati o, in alcuni casi, trasformati o sostituiti: sono beni culturali minacciati dal degrado, dall'incuria e dalla distruzione per un irresponsabile uso del territorio. La loro conoscenza può finalmente stimolare un'azione di conservazione attiva e responsabile.

I CURATORI
Aldo Aveta,
è professore ordinario di Restauro architettonico dell'Università di Napoli «Federico II», disciplina che insegna nelle Facoltà di Architettura e di Ingegneria. È Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio e Coordinatore dell'Indirizzo in Conservazione dei Beni architettonici e del Paesaggio del Dottorato di ricerca. Impegnato nel coordinamento di ricerche e responsabile scientifico in ricerche applicate, ha insegnato in Master internazionali. È autore di molteplici volumi e saggi specialistici, quali: Consolidamento delle strutture lignee: diagnostica e interventi conservativi, 2007; Diagnostica e conservazione: l'insula 14 del Rione Terra, 2008; Restauro e rinnovamento del centro storico di Napoli, 2009; Roberto Pane e l'urbanistica dei centri antichi, 2010; La conservazione della venustas delle città storiche, 2011.
Luciano Maria Monaco, architetto, è specializzato in Restauro dei monumenti e dottore di ricerca in Conservazione dei Beni architettonici presso l'Università di Napoli «Federico II». È autore di una serie di pubblicazioni tra le quali si segnalano: Analisi del comportamento strutturale e diagnostica, 2007; Dissesti e vulnerabilità statica, 2008.
Claudia Aveta, architetto, è dottore di ricerca in Conservazione dei Beni architettonici presso l'Università di Napoli «Federico II». È autrice di saggi e articoli, tra cui si citano: Piero Gazzola. Restauro dei monumenti e tutela ambientale, 2007; Napoli e il paesaggio campano nelle riflessioni di Brandi, 2008; Riflessioni sui valori ambientali del paesaggio campano, 2009; La tutela dell'ambiente: la riflessione di Roberto Pane e gli attuali orientamenti legislativi, 2010.
Isbn
9788849523010
Nr. Volume
9
Formato
17x24
Nr. Pagine
248
Mese Pubblicazione
Marzo
Anno Pubblicazione
2012